Occhio alla curva!

La patente a punti è stata introdotta ormai parecchi anni fa e tutti noi abbiamo fatto l’abitudine a tenere a mente, più o meno, i nostri punti e a sapere che ogni infrazione corrisponde a una decurtazione di un determinato numero di punti, oltre ovviamente ad una salata contravvenzione.

C’è chi è maggiormente abituato a fare i conti con queste dinamiche, perché magari ha il piede un po’ troppo “pesante”, oppure perché scambia i semafori per delle decorazioni stradali e non ci pone la giusta attenzione, altri, però, potrebbero non sapere che ci sono alcune infrazioni che tolgono addirittura 10 punti. Sì, esatto, ben 10 punti; il che vuol dire che, avendo ognuno di noi 20 punti al momento dell’acquisto della patente, in caso di questi macroscopici errori alla guida del nostro mezzo vedremo metà dei punti della nostra amata licenza di guida (a qualcuno addirittura piace chiamarla licenza “di uccidere”) volare via, ma se li vedremo volare via potremo almeno sospirare di non esserci fatti male e di non aver fatto male a nessuno nei paraggi, data la gravità degli stessi.

Ex art. 142, 9 c.d.s. la prima infrazione che costerebbe ben 10 punti, sarebbe il superamento dei limiti di velocità di 60, o più, km/h.

L’art. 143, 12 c.d.s. punisce chi circola in contromano in corrispondenza di curve, o comunque in ogni caso di limitata visibilità.

Il 148 c.d.s. infligge la sanzione a chi non rispetti il divieto di sorpassi sempre in corrispondenza di curve o di altri luoghi dove ci sia scarsa visibilità.

L’art. 168 c.d.s, ancora, sanziona chi trasporta merci pericolose senza la regolare autorizzazione delle competenti autorità ed infine l’art. 186 c.d.s prevede che anche chi guidi in stato di alterazione dovuto ad alcool o stupefacenti e si rifiuti di sottoporsi agli accertamenti della Polizia possa essere punito con la stessa decurtazione. Tra l’altro di questo tema ne avevamo anche parlato in un altro articolo.

Come si può notare non sono pochi gli articoli del codice della strada che infliggono questa pesante, quanto mai giusta, sanzione. Quindi, mani sul volante e mantenete un’andatura da crociera, che qua le corse vengono premiate con una bella mazzata, scusate il termine volgare, tra capo e collo.

 

 

Alberto Lanzetti

“Agente, io questo non lo faccio”

Guida in stato di ebbrezza o, peggio, sotto effetto di stupefacenti: quante volte si sentono circolare voci sulla possibilità di eludere il controllo da parte delle forze dell’ordine sperando che nel tempo che intercorre fino al prelievo, che avviene presso un ospedale pubblico o una struttura comunque affiliata al Sistema Sanitario Nazionale, dei liquidi biologici la “sbronza” possa passare o gli effetti della sostanza alterante possano svanire. Tenendo conto che la maggior parte delle volte ciò non avviene e la propria tanto amata patente la si vedrà volare via insieme ai propri goffi tentativi di evitare la sanzione, circolano molte voci errate sul tema e bisogna mettere un po’ di chiarezza.

È opportuno, infatti, precisare che mentre per il test alcolemico il soggetto può rifiutare di sottoporsi al tanto temuto alcoltest, meglio noto come “palloncino”, sapendo di incorrere comunque nella sanzione più grave in assoluto per situazioni del genere, la situazione per le sostanze stupefacenti è ben diversa. Almeno così afferma la Corte di Cassazione con sent. 43864/2016.

L’art. 187 del C.d.S (codice della strada) non permette alle forze dell’ordine di denunciare il conducente sulla base solo di elementi comportamentali come la mancanza di equilibrio; io ad esempio faccio fatica a stare in equilibrio su un ginocchio anche da perfettamente sobrio…

Pertanto l’accertamento della presenza di sostanze stupefacenti nel corpo dell’interessato non può che avvenire che con il prelievo di liquidi fisiologici del soggetto (analisi del sangue o un esame delle urine anche è sufficiente).

Il caso in questione vedeva la persona interessata rifiutare di sottoporsi anche al prelievo ematico, essendosi già sottoposto all’esame delle urine, appunto. La Cassazione ha specificato che non è rilevante che il soggetto abbia assunto sostanze stupefacenti prima di mettersi alla guida, ma che dopo averlo fatto egli conduceva il mezzo sotto l’effetto delle droghe.

In caso di esito positivo del preliminare esame fatto al posto di blocco da parte delle forze di polizia devono seguire altri accertamenti più specifici eseguiti in una struttura adeguata e, quindi, secondo la Corte, non sussiste alcuna violazione dell’art. 187 C.d.S qualora il soggetto non si sia meramente prodigato per eludere qualunque forma di controllo, ma abbia acconsentito al prelievo delle urine (ritenuto già sufficiente) e successivamente non abbia acconsentito al prelievo ematico, per esempio.

Tuttavia il consiglio rimane sempre lo stesso e scontato: se bevete non guidate! Chiamate un taxi, prendete un pullman o fatevi ospitare a dormire anche, di possibilità per evitare di farsi male e soprattutto far male ad altri ce ne sono e si evitano solo delle potenziali minacce.

 

 

Alberto Lanzetti