PANORAMICA ELETTORALE IN TEMA DI GIUSTIZIA

Si è avviata la campagna elettorale per il voto del 4 marzo e i leader dei partiti sono già in piena forma in quella che pare essere una vera e propria battaglia di promesse.

Il programma dei partiti sul tema giustizia è decisamente vario: il centrodestra, che si presenta con Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e UDC (stessa coalizione delle elezioni 2008 ma con leader diversi), propone una legge sulla legittima difesa, cavallo di battaglia della lega, una riforma sulla tempistica dei processi, un’altra più radicale riforma della giustizia (antico pallino di Berlusconi) e l’abolizione della legge Fiano.

Il centrosinistra si presenta alle urne con Partito Democratico, Civica Popolare (comprendente tutti gli ex fedelissimi del Ministro degli Esteri uscente Angelino Alfano) e +Europa (lista di Emma Bonino). Il centrosinistra propone un’unica riforma di revisione dei tempi della giustizia; sembra non trovare spazio quello che per tanti anni è stato il cavallo di battaglia del centrosinistra ossia la legge sul conflitto d’interessi.

Il Movimento 5 Stelle propone una legge anti-corruzione, una legge sul conflitto d’interessi e l’abolizione dell’immunità parlamentare.

Liberi e Uguali di Piero Grasso propone quasi gli stessi temi del M5S con la differenza che Grasso, da buon ex magistrato, propone una riforma incentrata su di una maggior certezza della pena ed un’altra che prevede la retribuzione da parte dello Stato dei tirocinanti negli studi legali.

In virtù di questo generale quadro variopinto, l’unica cosa comune sembra essere la speranza che, chiunque vinca le elezioni il prossimo 4 marzo, conceda all’elettorato esattamente ciò che chiede: una giustizia il quanto più equa possibile per tutti.

Redazione Indottriniamoci & Valerio Del Signore

Il fenomeno del “whistleblowing” in Italia.

L’art. 1, comma 51, della legge 190 del 2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo articolo, il 54 bis, nell’ambito del d.lgs. 165 del 2001, rubricato “tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti”, in virtù del quale è stata introdotta nel nostro ordinamento una misura finalizzata a favorire l’emersione di fattispecie di illecito, nota come whistleblowing, vale a dire la segnalazione di attività illecite nell’amministrazione pubblica o in aziende private, da parte del dipendente che ne sia venuto a conoscenza per ragioni di lavoro.

Tre sono i punti più importanti:

1) L’articolo 1 modifica l’articolo 54-bis del Testo unico del pubblico impiego (Dlgs n. 165 del 2001), introdotto dalla legge Severino che aveva già accordato un prima forma di tutela per il segnalante, prevedendo un vero e proprio sistema di garanzie per il dipendente. Il nuovo regime stabilisce che colui il quale segnali al dirigente responsabile della prevenzione della corruzione o all’Autorità nazionale anticorruzione o ancora all’autorità giudiziaria ordinaria le condotte illecite o di abuso di cui sia venuto a conoscenza, non possa essere,per motivi collegati alla segnalazione, soggetto a sanzioni, demansionato, licenziamento o trasferimento.

L’eventuale adozione di misure discriminatorie va comunicata dall’interessato o dai sindacati all’Anac che a sua volta ne dà comunicazione al Dipartimento della funzione pubblica e agli altri organismi di garanzia. L’Anac può irrogare una sanzione amministrativa pecuniaria a carico del responsabile da 5.000 a 30.000 euro; inoltre, l’Anac applica la sanzione da 10.000 a 50.000 euro a carico del responsabile che non svolga le attività di verifica e analisi delle segnalazioni ricevute.

L’amministrazione ha poi l’onere di provare che le misure discriminatorie o ritorsive sono motivate da ragioni estranee alla segnalazione. Il segnalante licenziato ha diritto al reintegro nel posto di lavoro e al risarcimento del danno.

2) L’articolo 2 estende al settore privato la tutela del dipendente o collaboratore che segnali illeciti o violazioni relative al modello di organizzazione e gestione dell’ente di cui sia venuto a conoscenza per ragioni del suo ufficio. La disposizione dunque modifica l’articolo 6 del d.lgs. 231 del 2001 sulla “Responsabilità amministrativa degli enti”, con riguardo ai modelli di organizzazione e di gestione dell’ente idonei a prevenire reati. In relazione ai requisiti dei modelli di organizzazione e gestione dell’ente si prevedono uno o più canali che, a tutela dell’integrità dell’ente, consentano a coloro che, a qualsiasi titolo rappresentino o dirigano l’ente, segnalino condotte costituenti reati o violazioni del modello di organizzazione e gestione dell’ente, di cui siano venuti a conoscenza in ragione delle funzioni svolte, garantendo la riservatezza dell’identità del segnalante. I modelli di organizzazione devono prevedere sanzioni disciplinari nei confronti di chi violi le misure di tutela del segnalante.

3) L’articolo 3, riguarda le ipotesi di segnalazione o denuncia effettuate nel settore pubblico o privato e introduce come giusta causa di rivelazione del segreto d’ufficio, professionale, scientifico, industriale nonché di violazione dell’obbligo di fedeltà all’imprenditore, il perseguimento, da parte del dipendente pubblico o privato che segnali illeciti, dell’interesse all’integrità delle amministrazioni nonché alla prevenzione e alla repressione delle malversazioni. La giusta causa opera dunque come scriminante mentre costituisce violazione dell’obbligo di segreto la rivelazione con modalità eccedenti rispetto alle finalità dell’eliminazione dell’illecito. Non trova qui applicazione la giusta causa e sussiste la fattispecie di reato a tutela del segreto.

Dott. Mirko Buonasperanza

Appello? L’inammissibilità è dietro l’angolo

“Ma sì, intanto facciamo appello”. Questa, più o meno con la medesima formulazione, è la frase “consolatoria” che ogni avvocato, alla fine di un primo grado non troppo soddisfacente, enuncia allo sconcertato cliente. In fondo nel nostro sistema giudiziario un ricorso “non costa niente”. E chissà poi che non arrivi in soccorso magari una bella prescrizione a fare da ciambella di salvataggio del povero condannato di primo grado. Tutto vero. E se poi nei fatti non vi sia correlazione fra i motivi e le ragioni di fatto o di diritto su cui si basa la sentenza impugnata poco importa. L’appello si propone. Sempre.

Tutto questo è stato vero fino alla sentenza 8825 del 22/02/2017 con la quale la Corte di Cassazione a Sezioni Unite ha statuito che l’appello al pari del ricorso per Cassazione è inammissibile per difetto di specificità dei motivi quando non risultano esplicitamente enunciati e argomentati i rilievi critici rispetto alle ragioni di fatto o di diritto poste a fondamento della sentenza impugnata”.

Il contrasto che ha dovuto dirimere il giudice di legittimità ha sostanzialmente affrontato l’ampiezza e la portata del filtro costituito dall’art. 591 c.p.p. che al comma 2 recita: “Il giudice dell’impugnazione, anche di ufficio, dichiara con ordinanza l’inammissibilità e dispone l’esecuzione del provvedimento impugnato.” Il punto di diritto discusso, più precisamente, era sulla necessità o meno di valutare con minor rigore la specificità dei motivi d’appello rispetto a quanto accade per il ricorso in Cassazione e dunque se il difetto di specificità dei motivi di appello comporti l’inammissibilità dell’impugnazione.

Delineare i motivi di questa declaratoria d’inammissibilità d’ufficio non è stata di certo impresa semplice per la Corte che ha dovuto scegliere sostanzialmente fra due orientamenti: uno più restrittivo che riempie il filtro di inammissibilità partendo dal principio di specificità che si evince nell’art.581 primo comma lett. c del c.p.p. che recita [L’impugnazione si propone con atto scritto nel quale sono indicati il provvedimento impugnato, la data del medesimo, il giudice che lo ha emesso, e sono enunciati:] c) i motivi, con l’indicazione specifica delle ragioni di diritto e degli elementi di fatto che sorreggono ogni richiesta”. L’altro orientamento, meno rigido, sostenuto dal principio “devolutivo” dell’appello di cui all’art.597 c.p.p. per cui il requisito della specificità dei motivi d’appello, dovendosi considerare questa una nuova fase del giudizio relativamente sganciata dal primo grado e dai motivi della sentenza già ottenuta, dovrebbe essere valutato in termini meno stringenti e comunque diversi rispetto al filtro d’ammissibilità dei motivi di ricorso per Cassazione. Di certo quest’ultimo potrebbe essere un orientamento accettabile se visto solo dal punto di vista teorico, dato che in ogni corso di diritto processuale penale viene sempre insegnatoci che l’appello, è un mezzo di impugnazione a critica libera, teso al riesame dei punti della decisione cui si riferiscono i motivi proposti, in fatto e in diritto, mentre il ricorso per cassazione è a critica vincolata, limitato ai motivi proposti, di sola legittimità.

Visto con occhi forse un po’ più disincantanti però, il primo orientamento sembra di gran lunga preferibile, sia valutando la specificità estrinseca dei motivi d’appello e di quelli di ricorso per cassazione come connotati da una sostanziale omogeneità, in quanto il giudizio d’appello non costituirebbe un nuovo giudizio, ma uno strumento di controllo vertente su specifici punti e per specifiche ragioni della decisione impugnata, sia dovendo comunque far fronte alle innumerevoli proposizioni d’appello che “intasano” gli uffici giudiziari.

Con la sentenza 8825 del 22/02/2017 le Sezioni Unite hanno proprio sposato quest’ultimo orientamento, comportando un inevitabile ristringimento del filtro di ammissibilità e affermando a tal fine la necessità della specificità estrinseca dei motivi d’appello, pur precisando che l’appello, a differenza del ricorso per Cassazione, può riproporre questioni già esaminate e disattese in primo grado senza che ciò costituisca causa di inammissibilità. Più precisamente la Corte ha affermato che “i motivi in fatto… devono contenere una precisa esposizione degli elementi a sostegno e una puntuale confutazione della motivazione della sentenza impugnata …”; ed ancora con “… i motivi in diritto… devono essere specificamente dedotte le violazioni di legge, sostanziale o processuale, nonché le ragioni della loro rilevanza nel caso concreto, non essendo sufficiente il mero richiamo delle disposizioni cui si riferiscono”.

Per questi motivi è stato rigettato il ricorso avverso l’ordinanza che aveva dichiarato inammissibile l’appello di un imputato, poiché questo constava di una mera richiesta di riduzione della pena e non teneva conto della specificità dei motivi di condanna. Siamo certi che qualche attenzione in più nella redazione degli appelli (rectius nella decisione di fare appello) non potrà che fare bene al nostro sistema giudiziario, tendendo così ad uno smaltimento del lavoro arretrato da un lato e alla maggiore raffinatezza giuridica dall’altro.

 

 

Salvatore Vergone

 

 

Anche Giuri si adeguerà?

Da buon studente di Giurisprudenza, quale sono, mi sono sempre sentito abbastanza fortunato a non dover sostenere un test d’ingresso per poter iscrivermi alla mia Università. Il ragionamento deriva anche dal fatto che durante l’estate in cui ho sostenuto la maturità classica, l’ultima cosa che avevo intenzione di fare era studiare. Voi mi potrete chiamare pigro o svogliato, ma io mi sono sempre, invece, ritenuto fortunato, perché la Facoltà che avevo scelto mi stava permettendo anche di divertirmi di più d’estate e non “impanicarmi” sui libri.

Le cose, però, potrebbero cambiare, o almeno così si dice da un bel po’ di tempo a questa parte.

I vari governi che si sono succeduti negli ultimi anni hanno sempre vociato in merito alla possibilità che anche a giurisprudenza si potesse mettere un test d’ingresso.

Ultimamente ha preso la parola sul tema Piercamillo Davigo, presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, il quale ha affermato che in Italia abbiamo il più alto numero di processi di tutta Europa, inoltre ha specificato anche che un terzo degli avvocati di tutta Europa sono italiani. Il primo provvedimento che si dovrebbe prendere sarebbe quello di dimezzare il numero dei processi, soluzione che si potrebbe ottenere solo con una depenalizzazione più accorta di quella che è stata compiuta fino ad adesso. In questo modo, tuttavia si dimezzerebbe anche il reddito degli avvocati e ciò, nel tempo, comporterebbe una “selezione naturale” la quale porterebbe alla drastica riduzione del numero degli appartenenti alla classe, prima, e del numero degli studenti di diritto, poi.

Sul tema è intervenuto anche l’attuale ministro della Giustizia Andrea Orlando, che, invece, ha sottolineato come la categoria forense sia una parte importante della giurisdizione e come il problema non si risolva solo coi tagli, ma anche e soprattutto con la responsabilizzazione della classe forense.

l’argomento è delicato: sarebbe corretto chiudere le porte aperte dell’università dello ius?

Da studente posso dire che la paura di rimanere, dopo la laurea, in un “limbo” fatto di lavoretti in studi legali e paghe che danno tutto tranne che sicurezza c’è, tuttavia è anche vero che la selezione naturale a cui si accennava prima sono convinto che nel mondo del lavoro sia già in atto. Essendo il mercato del lavoro del settore già ricolmo di persone chi è competente emerge dalle sabbie mobili e può farcela.

Molti mi additeranno come un disincantato fuori dal tempo, anche perché in tanti pensano che: “là fuori sia una giungla”.

D’altro canto, cercando di analizzare la situazione pragmatica anche molti studenti, che come me, non hanno sostenuto alcun test d’ingresso, arrivati al terzo o quarto anno invocano alla chiusura.

“C’è bisogno di fare selezione fin da subito”, “Non si può andare avanti con questi numeri di iscritti”, “Molti si fermano a giurisprudenza solo perché non ha il test d’ingresso, sarebbe ora di finirla” sono le frasi più sentite quando si parla dell’argomento tra i corridoi.

La soluzione non è certo facile, ma nel mentre io avrei una domanda per il ministro Orlando: “Di preciso cosa significa che la classe degli avvocati si dovrebbe responsabilizzare?”. Mi sembra tanto come una frase fatta, detta solo per prendere tempo e non rispondere ad un argomento a cui non si saprebbe trovare una soluzione.

 

 

Alberto Lanzetti