Il piccolo imprenditore

L’art 2083 c.c. mette in evidenza la figura di piccolo imprenditore, una speciale figura che andrebbe sottratta al rigore negativo della disciplina relativa alla fattispecie di imprenditore generale. La definizione proposta dal codice non è unitaria, ma appare frammentata in quattro distinte categorie, secondo un elenco tassativo che presenta degli elementi di interesse: le prime tre categorie, infatti, sono imprenditori istituzionali (coltivatori diretti, piccoli commercianti e artigiani) la quarta, invece, comprende un tipo di attività imprenditoriale non ben definita, infatti vi rientra qualunque imprenditore che eserciti la propria attività prevalentemente con il lavoro proprio e con quello dei membri della sua famiglia.

L’analisi corretta dal punto di vista letterale, da dare a tale disposizione è quella secondo la quale, per imprenditore piccolo si intenda un soggetto appartenente ad una delle quattro categorie sopra citate, che devono essere considerate assolutamente indipendenti l’una dall’altra, in quanto essendo un elenco tassativo, non si richiede che il soggetto debba essere in possesso di più di una peculiarità facente parte le singole categorie esposte.

Secondo un’altra lettura, invece, il piccolo imprenditore deve necessariamente essere contraddistinto dal fatto che eserciti una attività con il proprio lavoro e con quello dei membri della propria famiglia. Assistiamo quindi al venir meno del significato proprio dell’elenco tassativo, che si ricava analizzando letteralmente la norma del Codice, in favore di una interpretazione che ritiene l’ultimo punto di tale elenco (quello relativo al lavoro proprio e familiare) come elemento essenziale affinchè si possa qualificare un imprenditore come piccolo, e gli altri tre punti, come possibile attività esercitabile tenendo presente le peculiarità del punto quattro.

Questo tipo di lettura, assolutamente fuorviante e priva di un reale fondamento dal punto di vista giurisprudenziale, si giustifica tenendo in considerazione il principio secondo il quale, le tre categorie nominate, sono prive di una reale definizione all’interno dell’ordinamento. Per quanto riguarda il coltivatore diretto del fondo, la definizione adeguata è desumibile da un’altra norma del codice (art. 1647), per il piccolo commerciante vi è un assoluto silenzio delle norme, per quanto riguarda l’artigiano vi è solo una normativa speciale di riferimento che non pochi problemi ha creato all’interprete di diritto: infatti, in questo caso, partendo dal principio secondo il quale gli imprenditori possono essere distinti in due categorie, commerciale e agricolo, appare molto complicato stabilire con certezza a quale categoria possa appartenere un artigiano. Partendo dal presupposto che non possiede le peculiarità per poter essere considerato un imprenditore agricolo, per ovvi motivi; non potrebbe neppure essere considerato commerciale, poiché la sua attività sarebbe priva del requisito necessario per poter appartenere a tale categoria, vale a dire l’industrialità.

Partendo da tali problematiche interpretative e da tali lacune normative, l’opinione più diffusa relativamente a quella del piccolo imprenditore è quella di andare oltre l’elencazione tassativa, in favore di una visione unitaria della figura, con la prevalenza del lavoro personale e dei familiari, considerata come elemento essenziale.

Dott. Marcello Cecchino

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...