EREDITA’ DIGITALE: ECCO COSA SUCCEDE QUANDO UN UTENTE MUORE

L’art. 587 comma 1 del codice civile definisce il testamento come un “atto revocabile con il quale , per il tempo in cui avrà cessato di vivere, taluno dispone di tutte le proprie sostanze o di parte di esse”. L’ordinamento permette dunque di trasmettere il patrimonio formato dall’insieme dei rapporti giuridici inerenti al morto (proprietà di beni, diritti reali su cose altrui, garanzie reali, crediti e debiti, contratti), disciplinando compiutamente la materia in riferimento agli affari di vita “reale”.

Ciò non basta più. L’avanzare della tecnologia ha comportato il trasferimento su piattaforma virtuale di gran parte dei nostri rapporti relazionali e finanziari, suscitando non pochi interrogativi giurisprudenziali inerenti al controllo e alla regolazione della rete Internet. In una prospettiva così problematica, la formazione di una vita “interattiva” parallela a quella reale, fa sorgere il quesito seguente: come si gestisce l’eredità digitale? Sempre più dati personali, ricordi, ed in generale tutto ciò che riguarda la nostra vita, resta conservato esclusivamente in formato computerizzato.

I più famosi social network hanno previsto la possibilità di lasciare un testamento digitale per esprimere le proprie volontà a tale riguardo.

Facebook in primis permette all’utente di nominare un contatto erede, cioè la persona che dopo la sua morte potrà gestirne il profilo; per indicarlo, basta loggarsi sul social ed inserire il nome nelle impostazioni generali nella sezione “gestisci account”. Vi è poi la possibilità di creare un profilo “commemorativo”. 

Anche Google prevede una possibilità analoga, potendo permettere fino a dieci persone di gestire l’account del morto tramite l’apposita procedura guidata online. Prevede poi in alternativa la cancellazione totale dell’account divenuto inattivo.

Per quanto riguarda Twitter e Linkedin, la possibilità di lasciare un testamento non è contemplata, ma i due social permettono ai familiari di poter agire sull’account del defunto presentando, attraverso apposita procedura, il certificato di morte e la documentazione necessaria.

Per tutto quello che riguarda la parte digitale della nostra vita inoltre, BoxTomorrow consente la creazione di un testamento digitale: attraverso la creazione di una sorta di “scatola” virtuale, è possibile inserire foto, documenti, e tutto ciò che desideriamo lasciare di noi stessi, compreso un file con le credenziali di accesso a tutti i servizi digitali. Alla nostra morte, gli eredi “digitali” potranno accedere alla scatola e recuperarne il contenuto.

I problemi urgenti che occorre risolvere in tale contesto, sono due. Il primo è dato dalla c.d. “digital Alzheimer disease”, ovvero la perdita della memoria recente, causata dalla obsolescenza digitale: la conservazione del dato interattivo nel tempo non è assolutamente garantita, e si parla in tal senso di data degradation; si dovrebbe dunque creare un contesto all’interno del quale la conservazione dei dati digitali sia più semplice, efficace e sicura, con lo studio di nuove forme per la protezione dei diritti d’autore e della proprietà intellettuale. Il secondo problema è dato dal ruolo del diritto alla privacy in tutto ciò. Il Garante per la privacy ha elaborato la prima guida all’applicazione del Regolamento UE 2016/679, che acquisterà piena efficacia nel nostro ordinamento nel maggio 2018. Ulteriori trasformazioni in corso vedono protagonisti i dati personali nell’ambito di una loro regolamentazione innovativa e di una loro adeguata protezione al passo con i tempi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Chiara Bellini  

                                                                                                                                 

                                                                                                                                        

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...