La sparatoria di Macerata

Sono almeno sei i feriti della sparatoria di Macerata, cinque uomini e una donna, tutti originari dell’ Africa e di giovane età.

Traini, responsabile dell’ efferato atto, ora in stato di fermo, ha esploso alcuni colpi dall’ Alfa 147  in via dei Velini e via Spalato, la stessa strada in cui abitava il presunto colpevole del delitto di Pamela Mastropietro, uccisa brutalmente e fatta a pezzi da un cittadino extracomunitario.
Subito dopo la sparatoria, il responsabile, candidato nel 2017 con la Lega, è stato trovato avvolto nella bandiera raffigurante il tricolore italiano mentre faceva il saluto romano.
Si è immediatamente acceso nel mondo politico un dibattito sul tema dell’ immigrazione. Primo tra tutti ad intervenire proprio Matteo Salvini, accusato da Saviano di aver a lungo fomentato odio sul tema dell’ immigrazione.
A placare gli animi, però, è stata proprio la mamma di Pamela, vittima del delitto, la quale ha chiesto di non rispondere alla violenza con atti altrettanto violenti, ma di lasciare che chi ha sbagliato paghi nelle aule di giustizia.
Ilaria Di Blasio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...