IL CSM RIORGANIZZA LE PROCURE

L’intervento tramite circolare del Consiglio Superiore della Magistratura del passato 16 novembre ha lo scopo di approntare una disciplina generale ed organica, attuativa dei principi in materia di organizzazione delle Procure della repubblica espressi nella normativa primaria, e in continuità con le risoluzioni precedenti dello stesso CSM.

Al fine di prevenire situazioni di incertezza o conflittualità tra diversi uffici, il CSM attribuisce al Procuratore della Repubblica il potere di organizzazione dell’ufficio e la titolarità dell’esercizio dell’azione penale.

 

Esercizio dell’azione penale.

Per garantire la ragionevole durata del processo, il Procuratore della Repubblica, assicura una “attenta e particolareggiata analisi dei flussi e delle pendenze dei procedimenti nonché il loro costante monitoraggio”, potendo elaborare criteri di priorità nella trattazione dei procedimenti, anche al fine dell’efficace ed uniforme esercizio dell’azione penale.

Il Procuratore capo:

1) distribuisce in modo equo e funzionale gli affari tra i magistrati dell’ufficio e cura la costituzione di dipartimenti, sezioni o gruppi di lavoro;

2) può affidare il coordinamento di ciascun gruppo di lavoro a un Procuratore Aggiunto o ad un magistrato coordinatore;

3) provvede all’efficace coordinamento tra i gruppi di lavoro, nonché all’eventuale elaborazione di protocolli investigativi ed organizzativi ed alla diffusa e costante circolazione delle informazioni relative al funzionamento dell’ufficio anche tramite lo svolgimento di riunioni periodiche tra i magistrati dello stesso ufficio;

4) disciplina l’attività dei Vice Procuratori Onorari;

5) procede all’assegnazione dei magistrati ai gruppi di lavoro;

6) può individuare i criteri di priorità nella trattazione degli affari;

7) cura la verifica periodica della distribuzione dei carichi di lavoro;

8) cura e favorisce i rapporti dell’ufficio e dei magistrati con l’avvocatura e con la stampa;

9) cura e assicura l’osservanza delle disposizioni relative all’iscrizione delle notizie di reato.

 

La figura del Procuratore Aggiunto.

Il Procuratore Aggiunto è una figura semi-direttiva, già prevista della legislazione del 2006 alla quale, per la prima volta, vengono attribuiti e riconosciuti compiti di semi-direzione al di là delle specifiche disposizioni organizzative.

 

Assenso, visto e revoca delle assegnazioni.

È ora indicata la modalità di manifestazione dell’assenso in tema di misure cautelari, definendo il procedimento di formulazione dell’assenso e le regole per la risoluzione di eventuali contrasti.

Il Procuratore della Repubblica può prevedere nel progetto organizzativo che determinati atti o categorie di atti posti in essere dai sostituti siano a lui preventivamente trasmessi per l’apposizione del visto, avente funzione conoscitiva in ordine all’attuazione, da parte dei sostituti, delle direttive emanate, nonché per favorire l’interlocuzione tra il sostituto, il Procuratore aggiunto ed il Procuratore della Repubblica. Qualora il magistrato non si attenga ai criteri definiti dal Procuratore ovvero insorga tra il magistrato assegnatario e il Procuratore un contrasto circa le modalità di esercizio, il Procuratore della Repubblica può, con provvedimento motivato, sentito il magistrato, revocare l’assegnazione sino a che il procedimento non risulti definito.

 

L’attività di vigilanza dei Procuratori generali.

Viene anche dettata una articolata disciplina in materia di potere di vigilanza, promozione e sollecitazione alla individuazione di soluzioni attraverso protocolli condivisi e di diffusione di buone prassi, con esclusione di poteri di coordinamento investigativo, se non qualora sia espressamente previsto dalla legge.

 

Il potere organizzativo della Procura Generale presso la Corte di Cassazione.

Il Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione redige, con scadenza triennale, corrispondente al triennio di vigenza delle tabelle della Corte di Cassazione, un progetto organizzativo indicando i criteri di organizzazione dell’ufficio e di assegnazione degli affari.

 

Dott. Mirko Buonasperanza

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...