L’indipendenza nel 2017

Gli eventi della Catalogna di queste settimane hanno origini più risalenti nel tempo. Già nel 2014 vi era stata una prima consultazione per l’indipendenza dell’attuale comunità autonoma della Catalogna, ma si perse in un bicchiere d’acqua e non se ne fece nulla. Il passo da gigante venne effettuato il 9 giugno 2017 dal Presidente della Generalitat De Catalunya Carles Puigdemont che proclamò un referendum per il primo ottobre 2017 recitante: “Volete che la Catalogna sia uno Stato indipendente in forma di repubblica?”.

Le motivazioni sono il secolare scontro sulle differenze di lingua e identità culturale derivanti direttamente dal Medioevo e i più moderni scontri su questioni economiche come la crisi del 2008 e le eccessive tasse pagate dalla regione Catalana a Madrid, senza le quali la Comunità Autonoma sarebbe più ricca dato anche i molti e nuovi sbocchi commerciali per le imprese catalane.

Il 6 settembre, a seguito di una seduta convocata con una procedura d’emergenza, il parlamento catalano ha votato la legge istitutiva del referendum con 72 voti favorevoli, 11 astenuti e nessun voto contrario, anche perché tutte le forze politiche all’opposizione del governo Puigdemont avevano abbandonato l’aula, preferendo non votare un provvedimento che ritenevano apertamente fuori legge.

Il 7 settembre il Tribunale Costituzionale ha sospeso il referendum e le norme correlate ad esso. Il Tribunale Costituzionale ha accolto il ricorso d’urgenza richiesto dal governo di Madrid presieduto da Mariano Rajoy che richiedeva l’incostituzionalità della legge che prevedeva il referendum. Allo stesso tempo la Procura Generale ha denunciato il Presidente Puigdemont e tutti i membri dell’Ufficio di Presidenza del Parlamento della Catalogna per i reati di disobbedienza e prevaricazione.

Dopo settimane tumultuose in cui le forze di polizia statali hanno sequestrato nove milioni, circa, di schede elettorali già pronte per il referendum, indagini su vari membri del governo catalano ai vertici degli uffici direttivi e alcuni arresti, il primo ottobre è arrivato e, in un giorno che ha rappresentato il culmine degli scontri dei giorni precedenti, si è votato. I risultati affermano che alle urne si è recato il 43,03% degli aventi diritto con una vittoria più che schiacciante per il SI (92,02%) contro il NO (7,99%).

Le reazioni sono state immediate e hanno preso immediatamente la parola, per primo, il Primo Ministro del governo spagnolo affermando come le procedure elettorali fossero state eseguite fuori da qualunque schema legislativo, così come anche affermato dallo stesso Tribunale Costituzionale che l’aveva ritenuto lesivo dell’unità territoriale dello stato spagnolo. In secondo luogo ha preso la parola lo stesso sovrano Felipe VI il quale ha richiamato all’unità il proprio paese, parole simile sono provenute dai rappresentati praticamente di tutti gli stati Europei.

Il 27 ottobre il Parlamento Catalano ha votato con 70 voti favorevoli, 10 voti contrari e 2 astenuti la nascita del nuovo stato “indipendente, sovrano e democratico” della Catalogna. Alla votazione parlamentare, come anche alla votazione sulla legge referendaria, non hanno preso parte i rappresentanti di PP, PSC e Ciutadans, ovvero i partiti all’opposizione.

Dato che il Governo spagnolo aveva già preso provvedimenti duri, quali l’applicazione dell’art. 155 della Costituzione (il quale prevede che se una Comunità Autonoma non rispetti un obbligo previsto dalla Costituzione o dalla legge, o si comporti in modo da attentare alla sicurezza della Spagna, il Governo, previa richiesta alla Presidenza della Comunità Autonoma o con l’approvazione della maggioranza del Senato, può prendere i provvedimenti necessari per l’adempimento forzato dei suddetti obblighi o per la protezione dei suddetti interessi), la dichiarazione d’indipendenza, non ha fatto altro che rafforzare l’indizione di nuove elezioni il 21 dicembre per la nomina di nuovi rappresentanti della Comunità Catalana.

Da poche ore si sa che la Spagna ha emanato un mandato di arresto Europeo nei confronti delle personalità più importanti del Parlamento Catalano, compreso, ovviamente, il Presidente Puigdemont, il quale da qualche giorno ha cercato riparo e una difesa legale in Belgio.

Per il 21 dicembre le elezioni sono state fissate e, così come il referendum si è svolto in un atmosfera di grande tensione, suppongo che anche queste elezioni si terranno in un ambiente ostile, se non proprio di guerriglia urbana; mentre nel frattempo si deve ancora capire se il Presidente del fu Parlamento Catalano ritornerà nel suo nuovo paese da Presidente di una nuova nazione e di come si terranno i rapporti con la Spagna e con le altre nazioni Europee.

Il futuro spagnolo sembra immerso in una grande ombra.

 

Alberto Lanzetti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...