Il silenzio di Mogadiscio

Imagine all the people living life in peace”.

Così cantava John Lennon in uno dei suoi più apprezzati ed emozionanti capolavori. Una frase che racchiude un desiderio che ci unisce tutti, ma che oggi più che mai sembra essere diventato una chimera. Vivere in pace è diventato un desiderio di molti, ma è ancora una realtà per pochi.

Non troviamo pace e non ci sentiamo al sicuro. Non siamo al sicuro in una chiesa, al centro nel bel mezzo di un mercatino di Natale e neppure d’ estate sul lungo mare. Viviamo nella costante e perpetua sensazione di paura di un attacco terroristico. Sono molte le cose che ogni giorno accadono e alcune ci vengono comunicate dai media. Alcune, solo alcune. Sì, perché quello che ascoltiamo in tv è solo una piccola parte. Esiste un altro volto della tragedia, quello dei posti dimenticati.

Mogadiscio, capitale della Somalia, il 14 Ottobre 2017 ha subito un duro colpo. E’ esplosa un’autobomba causando almeno 231 morti e 350 feriti. Il capo della polizia, Mahad Abdi Gooye, non ha escluso un possibile incremento delle vittime nelle prossime ore a causa dell’elevato numero di feriti rimasti coinvolti nell’attacco. L’attacco, avvenuto nella zona ricca del paese, non sembra ancora essere stato rivendicato, ma le indagini sono in corso e non si esclude la pista terroristica dal momento che in questa zona sono costanti gli attacchi del gruppo Al Shabaab.

Un colpo all’Africa di cui pochi parlano ed è forse questa disinformazione la faccia triste della tragedia. La diffusione della notizia degli attacchi africani è indispensabile per comprendere un fenomeno mondiale e soprattutto presente nelle zone in via di sviluppo. L’Africa è costantemente sottoposta agli attacchi terroristici, eppure esiste ancora poca diffusione delle notizie riguardanti queste aree. Non esiste una gerarchia nella tragedia! Diffondere è indispensabile per conoscere, capire e combattere il terrorismo qualsiasi sia la terra coinvolta.

Ilaria Di Blasio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...