Novità nella riformata legge fallimentare.

L’11 ottobre scorso il Senato ha approvato il testo della nuova legge fallimentare (“pensionando” il R.D. n. 267 del 1942) delegando inoltre il Governo a disciplinare le nuove norme sulla crisi di impresa e sull’insolvenza (variando quindi la legge n. 3 del 2012).

 

Per quanto concerne le novità:

 

  1. La riforma abbandona l’espressione “fallimento” sostituendola con “liquidazione giudiziale“, incarnandovi un concordato con la completa liberazione dei debiti entro 3 anni dall’apertura della procedura.

 

  1. Viene introdotta una fase stragiudiziale preventiva, affidata ad un organismo pubblico a livello provinciale e gestito dalle camere di commercio, col fine di dare sostegno all’impresa e ad anticipare l’emersione della crisi, giungendo ad una composizione assistita della stessa attraverso l’analisi delle cause del malessere economico e finanziario.

 

  1. Viene creato un giudice specializzato competente nelle procedure concorsuali che saranno ripartite tra un numero ridotto di tribunali, selezionati in base a parametri oggettivi e di adeguatezza lasciando le procedure di dimensioni maggiori alla cognizione dei tribunali delle imprese.

 

  1. È reso più snello l’istituto del concordato preventivo, restringendo il campo all’ipotesi del cd. “concordato in continuità”, quando cioè l’impresa versa in situazioni di crisi non irreversibile e la proposta può garantire la continuità aziendale con il mantenimento di livelli occupazionali adeguati e assicurando nel tempo una maggiore soddisfazione dei creditori.

 

  1. La riforma favorisce un processo decisionale più rapido impedendo allo stesso tempo il possibile veto dei creditori di minoranza, prevedendo che il debitore, con l’omologazione del Tribunale, possa ora chiedere che gli “effetti dell’accordo di ristrutturazione vengano estesi anche alla minoranza di creditori che non hanno aderito all’accordo stesso, purché al medesimo abbiano però aderito i titolari di crediti finanziari, pari almeno al 75% dell’ammontare complessivo“.

 

  1. Nasce il sistema Common, un marketplace unico a livello nazionale per far sì che i beni in vendita nelle procedure concorsuali ed esecutive, siano resi negoziabili non solo a fronte di denaro corrente ma anche con titoli appositi.

 

  1. È introdotta inoltre la possibilità di una procedura unitaria per la trattazione dell’insolvenza dei gruppi di imprese, individuando un unico tribunale. Per le imprese facenti parte di un gruppo sarà quindi consentito proporre un unico ricorso, sia per l’omologazione degli accordi di ristrutturazione dei debiti dell’intero gruppo, sia per l’ammissione delle diverse imprese al concordato preventivo.

 

  1. Verranno introdotte misure tali da rendere più facile l’accesso al credito, attraverso forme di garanzia che non comportano la perdita del possesso del bene in modo da assicurare un sostegno soprattutto alle imprese medio-piccole. Tra queste misure vi è la possibilità, per l’azienda, di poter continuare ad utilizzare “l’asset per il processo produttivo” o in alternativa disporne “trasferendo la prelazione sul corrispettivo ricavato e altresì concedere la garanzia su beni non ancora attuali ma futuri e determinabili”.

 

  1. La nuova legge estende il controllo giudiziale ex art. 2409 cc. anche alle società a responsabilità limitata che dovranno dotarsi di un organo di controllo.

 

  1. Da ultimo, è stata inserita una norma salva-famiglie, ossia una tutela per chi acquista immobili da costruire: gli atti di trasferimento dovranno essere conclusi, a pena di nullità, per atto pubblico o scrittura privata autenticata, che assicuri quindi il controllo di legittimità da parte del notaio, evitando la sistematica violazione da parte dei costruttori di fornire, al momento della conclusione del contratto anche preliminare, l’assicurazione e la fideiussione a garanzia di colui che acquista.

 

 

Dott. Mirko Buonasperanza

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...