VIETATO AVERE PAURA

“Non dobbiamo avere paura, non ci faranno cambiare le nostre abitudini, non ci chiuderanno in casa con la paura;”

Questo il grido di Vasco ai suoi 220.000 fedelissimi che, nell’ evento epocale del 1 Luglio, hanno infiammato il Modena Park.
Quella del Modena Park è una macchina perfetta costruita e progettata per festeggiare la quarantennale carriera del Blasco nazionale. E’ una festa e tutto, anche lo sconosciuto che per tre ore di concerto ti è vicino, sembra avere un’aria familiare. E’ la gente di Vasco: quella che va sempre al massimo !

Ad ospitare la grande festa è stata una Modena blindata che, anche solo per un giorno, ha assunto la veste di grande capitale del rock. Un evento contro la paura, come lo stesso cantante ha annunciato, ma la paura c’era ed era tanta. Paura del terrorismo, della grande folla che in preda al panico si trasforma in mandria e falcia facendo prevalere la legge della giungla. Un evento troppo grande per non ingenerare timori e preoccupazioni che ha spinto inevitabilmente la città e le forze dell’ordine ad assumere misure straordinarie di sicurezza. Moltissimi i controlli all’entrata, filmate le vie d’accesso e le nuove tecnologie protagoniste della scena in quanto a sicurezza. Vietate le bevande in bottiglia e lattina. Assolutamente vietati i superalcolici. No a zaini e valigie. Perfino il tanto celebre e ormai immancabile bastone da Selfie è stato bandito. Ed ecco spuntare blocchi in cemento per scongiurare il sangue di Nizza e Londra. Ecco sorgere piani di evacuazione perché la paura di Torino è troppo viva nei nostri ricordi. Esatto, oltre alla paura di un attentato adesso è nato anche il terrore del terrore, quasi come fosse un autogol.

Non sono mancate misure speciali per far transitare i soccorsi nello sciame umano.Dopo aver tenuto il fiato sospeso per giorni la festa ha avuto inizio ed anche un lieto fine. Tutto si è svolto nella massina serenità grazie alle forze dell’ordine che,scupolosamente e discretamente hanno lasciato decollare l’evento svolgendo al meglio il loro lavoro. Ed Ecco giungere immediatamente i complimenti di Gentiloni e la gratitudine di Gian Carlo Muzzarelli. Lo stesso sindaco si è detto orgoglioso delle misure di sicurezza impiegate auspicandosi che in futuro Modena Park possa diventare un piccolo modello di sicurezza in Europa.

L’ emblema, quello del Modena Park, di una generazione che è viva e non ha paura alcuna.

Ilaria Di Blasio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...