Mi masturbo al parco

Vicenda: 
Un uomo è stato beccato in tre occasioni a compiere atti di autoerotismo, sia nella sua auto e sia in un parco pubblico. In tutte le occasioni l’uomo era in presenza di minorenni.

Decisione:

Lo ha stabilito la Corte Suprema di Cassazione cancellando oggi una sentenza che condanna per ‘atti osceni’ un cittadino moldavo. Secondo i Giudici supremi a tale fattispecie andrebbe applicato il decreto legislativo n.8/2016 il quale depenalizza ( derubrica, mutando la fattispecie da reato ad illecito amministrativo). La modifica ha ‘avuto effetto solo in relazione al primo comma,restando immutata la previsione di sui al 527 c.p. secondo comma. 

Fondamentale è stata l’interpretazione fornita dalla Cassazione del Locus commissi delicti, per cui, nonostante la presenza di minori, punto fondamentale risulta l’abituale presenza degli stessi. Proprio il secondo comma impone questa previsione. Risulta nella nozione, il concetto di attitudine ovvero una previsione tale sulla base di una valutazione probabilistica, per cui la presenza di minori sia elevata. Possiamo considerare luogo abitualmente frequentato da minori il parcheggio di una scuola.


Nicola Galea

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...