STUPRO CONSENZIENTE

“Le è piaciuto!”

Lo scorso 15 febbraio sarebbe mancata solo tale frase alla motivazione della giudice Diamante Minucci nell’assolvere, perché il fatto non sussiste, l’imputato Massimo Raccuia: medico 46enne piemontese, in servizio presso l’ospedale Mauriziano di Torino, accusato da una collega della Croce Rossa di violenza sessuale e trascinato in tribunale nel 2011.

Violenza da una parte e fragilità dall’altra non sono bastate per una condanna ma reticenza, lacune e carenza di dettagli sono stati ritenuti più che sufficienti dall’intero roseo collegio della prima sezione penale del Tribunale di Torino per determinare un proscioglimento: nemmeno la “solidarietà femminile” è servita a raggiungere il risultato tanto sperato dalla vittima.

La donna ha affermato di aver manifestato il suo dissenso all’uomo e di aver provato disgusto subito dopo il rapporto con lui tuttavia non ha saputo argomentare in cosa consisteva tale malessere. Nella sentenza si legge: “Non urla. Non riferisce di sensazioni o condotte molto spesso riscontrabili in racconti di abuso sessuale, sensazioni di sporco, test di gravidanza, dolori. Pare abbia continuato il turno dopo gli abusi. Il racconto è inverosimile.”.

Ed è proprio così che prende corpo una delle sentenze più contestate di quest’ultimo periodo, una sentenza che, in quanto tale, pretende di essere rispettata: l’Associazione Nazionale Magistrati e gli avvocati penalisti torinesi infatti hanno mostrato la più totale solidarietà alla giudice Minucci che è stata immediatamente e brutalmente attaccata dalle associazioni femministe proprio in conseguenza di tale sentenza.

In definitiva dunque non esistono sentenze giuste o ingiuste poiché ad ogni giudice non è concesso di assistere in diretta ai fatti in esame: per decidere al meglio una causa infatti dovranno essergli sufficienti le prove richieste dalle parti e la legislazione dello Stato.

Quindi è proprio come disse una volta l’ex Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Torino Marcello Maddalena: “Chi entra in magistratura con l’idea di fare giustizia ci entra con il piede sbagliato.”.

Fabrizio Alberto Morabito

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...