L’importante è finire

“Chiunque, con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità costringe taluno a compiere o subire atti sessuali è punito con la reclusione da cinque a dieci anni.

Alla stessa pena soggiace chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali:

1) abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa al momento del fatto;

2) traendo in inganno la persona offesa per essersi il colpevole sostituito ad altra persona.

Nei casi di minore gravità la pena è diminuita in misura non eccedente i due terzi

È l’ art. 609 bis che, nel nostro ordinamento, disciplina la materia della violenza in ambito sessuale.

Il codice parla di costrizione; inganno; casi di minore gravità. Se può essere dubbia la categoria entro cui collocare lo stealthing, sicuramente non lo è che esso sia da far rientrare trai comportamenti perseguiti dalla disposizione di cui sopra.

Prende il nome di stealthing la decisione, unilaterale, segreta e dolosa, di un partner di rinunciare alla protezione del condom durante la pratica sessuale.

Ma, se la differenza tra rapporto consensuale e violenza poggia sul consenso delle parti, il comportamento irrispettoso degli accordi assunti da esse, si astrae dalla sfera della volontarietà. È un crimine.

Un crimine mosso dall’abbietto e futile motivo del capriccioso sadismo del piacere di violare l’ altro.

Assurde le giustificazioni: “diritto a essere uomo e un diritto al seme”; “ diritto all’essere donna e alla maternità”.

Eppure a me sembra che qui gli unici diritti a meritare tutela siano il diritto alla vita e all’integrità fisica!

Lo sdegno aumenta ulteriormente se si pensa che un tale fenomeno sia diventato “social”.

Stupratori seriali che usano la rete per condividere trucchi e consigli. Vere e proprie tecniche sperimentate sul campo: condom removal; condom sabotage; pull out.

Per quanto appaia sconcertante lo stealthing è ormai riconosciuto dal web come tendenza.

Che le mode, belle o meno, siano destinate a diffondersi non v’è dubbio. Non resta che augurarci che si affermi con altrettanta immediatezza la giustizia.

Canada e Svizzera hanno risposto con condanne dai 12 ai 18 mesi ma, ancor più importante rispetto all’entità della pena, con la condanna del crimine!

Non è l’uso della forza che descrive una violenza, ma la non scelta.

Dissenso, inganno, costrizione: quando non puoi o non sai reagire e l’importante diventa finire!

Letizia Dematteis

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...