La cura del grilletto

Un’arma. Come la si possa prendere è abbastanza chiaro a tutti: bisogna ottenere il porto d’armi, il che vuol dire dover compilare una bella risma di documenti, stabilire per quale scopo si detenga un’arma (difesa personale, uso agonistico o uso venatorio) e superare, infine, una visita medica che attesti l’idoneità psicofisica del soggetto.

Quello che alle volte è meno chiaro è come, poi, l’arma in questione debba essere mantenuta nel luogo della propria abitazione. Ciò che sfugge è come un’arma mal riposta possa essere imbracciata da un minorenne, o un inabile all’utilizzo di certi “oggetti” e dal semplice maneggio al dramma il passo è breve.

La Cassazione penale con la sent. 44122/2016 ha risolto il problema.

Nel caso di specie il soggetto custodiva la propria carabina in un armadio, all’interno di un garage adiacente alla propria abitazione; la carabina in questione gli fu, però, sottratta e il legittimo proprietario si è visto coinvolto in un processo, accusato del reato di “omessa diligente custodia di un’arma”.

Il ricorrente, in sua difesa, aveva affermato che la carabina non poteva essere considerata arma in quanto si trattava di un pezzo ormai vecchio e arrugginito, con pezzi mancanti e che addirittura i Carabinieri avevano consigliato di distruggerla, data l’usura. In più, si aggiunge che l’arma secondo la legge 526/199 non poteva essere considerata tale, dato che all’art. 11 della legge di cui sopra afferma che sono armi solo quelle che riescono ad erogare una potenza di, almeno, 7,5 Joule, potenza che la suddetta carabina non raggiungeva, rientrando, quindi, solo nella categoria dell’oggetto atto ad offendere.

La giurisprudenza ha ribadito, comunque che non vi è alcun reato, dato che non esiste alcun obbligo per il privato cittadino di adottare particolari sistemi e misure antifurto. L’unico limite sarebbe quello dell’art. 20 della l. 110/1975 il quale prevede delle cautele necessarie nella custodia delle armi per impedire che se ne impossessino minorenni, incapaci o tossicodipendenti, nonché le persone imperite nel maneggio di esse.

La sentenza impugnata, quindi, è stata annullata, senza rinvio, perché il fatto non sussiste.

La legge, in pratica, non prevede alcun obbligo di adottare specifiche misure di cautela nel conservare la propria arma, tolti i casi indicati prima, che tuttavia sono casi di attenzione ovvia e scontata.

Io mi sento di consigliare, comunque, coloro che hanno un’arma di conservarla con le dovute attenzioni, perché in questo caso si trattava di una vecchia carabina dalla quale canna sarebbero potute uscire solo più risate, forse, ma in presenza di un’arma vera e funzionante io non mi sentirei sicuro a sapere che uno sconosciuto me l’abbia sottratta.

 

 

Alberto Lanzetti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...