TTIP: bello e litigarello

Ultimamente in tema di diritto internazionale è tornato a far discutere il Partenariato Transatlantico per il Commercio e gli Investimenti: nome altisonante per indicare il trattato internazionale TTIP (in inglese Transatlantic Trade and Investment Partnership). Il trattato è in corso di trattativa dal 2013 e si propone di creare una zona di libero scambio, abbattendo, quindi, i dazi doganali, tra Europa e USA.

Ciò faciliterebbe la circolazione delle merci, il flusso degli investimenti e l’accesso ai rispettivi mercati dei servizi e degli appalti pubblici. L’intento non è scontato, ci si propone di creare un’area più o meno simile a quella creata in Europa dalla Convenzione di Schenghen.

Ovviamente, come ci sono molte contestazioni ancora oggi per gli accordi di Schenghen, si può immaginare la difficoltà di arrivare alla conclusione di un accordo commerciale del genere, supponendo anche che il TTIP sarebbe aperto ulteriormente ad altri paesi con cui Usa ed Europa abbiano relazioni commerciali già salde.

Particolarmente dibattuto è il tema dell’arbitrato internazionale che verrebbe a nascere, il cosiddetto ISDS-Investor-State Dispute Settlement. Quest’ultimo permetterà alle imprese degli Stati partecipanti di intentare cause nei confronti dei vari governi per “perdita di profitto” nel caso in cui questi Stati siano dotati di legislazioni che mettano in discussione le aspettative di profitto delle aziende stesse.

Ci sono molti PRO e CONTRO: il Trattato ha l’obiettivo di liberalizzare un terzo del commercio globale e gli ideatori sono convinti che questo possa anche creare milioni di posti di lavoro e proprio queste ultime potrebbero essere le parole magiche per sbloccare le situazioni sulle trattative. In più la Commissione Europea ha rincarato la dose affermando che il Trattato porterebbe un incremento dell’economia europea di 120 miliari di euro, di quella statunitense di 90 miliardi e quella mondiale in genere di 100 miliardi di euro.

Tuttavia anche le critiche non mancano: alcuni sono convinti che vi sarebbe una diminuzione delle garanzie e un’ulteriore diminuzione dei diritti dei consumatori.

I punti critici sono soprattutto quelli della liberalizzazione del mercato dell’alimentare e di quello del farmaco, per i quali ci sono già numerosi trattati e convenzioni che ne regolano la circolazione e la vendita e per cui il TTIP sarebbe solo un ulteriore “pezzo di carta” che complicherebbe solo la situazione già esistente.

Tante belle parole, tuttavia a fine Agosto 2016 sono state spiazzanti le parole di Sigmar Gabriel, ministro dell’economia tedesco, il quale ha detto che ormai le trattative per il TTIP sono andate in fumo perché “noi europei non possiamo accettare supinamente le richieste americane”. Si possono notare come le difficoltà di concludere un Trattato internazionale siano sempre quelle di superare la volontà maxima dei singoli paesi (ricordiamo che il diritto internazionale può essere regolato praticamente solo grazie alla volontà degli stati e non ci sono istituzioni, se non molto blande, per poter portare velocemente ad una conclusione i vari paesi contraenti).

Certo le parole del ministro tedesco non devono buttare giù di morale del tutto. Il parlamento Europeo, infatti, sta per ratificare il “Ceta”, ovvero l’analogo del TTIP, ma concluso con il Canada il quale prevede anche un arbitrato internazionale simile a quello del ISDS e che, tra l’altro, permetterebbe anche a molte società americane (grazie alle società canadesi controllate e partecipate) di poter influire pesantemente sull’economia europea.

Sembra quasi che la voce del Vecchio Continente voglia porre una fine sul discorso, mentre oltreoceano non ci si voglia mettere ancora con l’animo in pace e accettare il fallimento dell’accordo.

Personalmente ritengo che il fallimento (se così possiamo dire) del TTIP possa essere una sconfitta delle politiche di globalizzazione e liberalizzazione dei mercati, d’altro canto posso immaginare che i vari paesi non vogliano andare nemmeno lontanamente incontro a possibili ulteriori danni alle economie nazionali in un periodo dove si vuole solo migliorare e non, certamente, rischiare di fare un buco nell’acqua.

 

 

Alberto Lanzetti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...