RIEDUCAZIONE O MERA PUNIZIONE? PAROLA ALLA GIURISPRUDENZA

Le pene (…) devono tendere alla rieducazione del condannato” in questo modo la nostra costituzione sancisce il principio del finalismo rieducativo della pena, il cui fine è reintegrare il soggetto all’interno della società cercando di eliminare il pericolo di reiterazione del reato.

Questo intento va però a scontrarsi con la reale situazione delle nostre carceri, spesso sovraffollate e talvolta non dotate di un equo sistema di apprezzamento del buon comportamento. La finalità del carcere, infatti, non dovrebbe rimanere confinata ad una detenzione a scopo punitivo, a denuncia di un comportamento antisociale. Al contrario, grazie a strumenti pedagogici tendenti alla responsabilizzazione e alla consapevolezza delle proprie azioni, si deve tendere alla completa rieducazione del soggetto in questione. A tal fine bisogna ricordare che il legislatore ha disposto un sistema sanzionatorio differenziato, in modo tale che il giudice possa, nel raggio della sua discrezionalità, recuperare socialmente il reo.

La recente giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione specifica i presupposti, per la concessione delle misure premiali, orientati a finalità rieducative:

Sentenza n. 31739 del 01/07/2010. Assumono rilievo, ai fini del giudizio di revoca del beneficio della semilibertà, le condotte che, per natura, modalitàdi commissione ed oggetto, siano tali da arrecare grave “vulnus” al rapporto fiduciario chedeve esistere tra il condannato semilibero e gli organi del trattamento dovendosi valutarese il complessivo comportamento del condannato riveli l’inidoneità al trattamento e quindil’esito negativo dell’esperimento. (Nella specie, erano state valorizzate, a fondamento dellarevoca, le reiterate frequentazioni di soggetti coinvolti in un vasto traffico di stupefacenti,che documentavano l’uso strumentale delle prescrizioni dei benefici premiali).

 Sentenza n. 16441 del 10/02/2010. La detenzione domiciliare non è soggetta a revocaautomatica per il solo fatto che il soggetto ammesso al beneficio venga successivamentesottoposto ad una misura cautelare, dovendo invece verificarsi in concreto se gli elementi indicatinell’ordinanza di custodia cautelare siano o meno sintomatici del fallimento dell’esperimentorieducativo ovvero di un concreto pericolo di commissione di altri reati.

 Sentenza n. 41914 del 29/09/2009. La semilibertà, in quanto misura alternativa alla detenzioneche consente al detenuto di trascorrere parte del giorno all’esterno, sia pure in attività lavorativee socializzanti, non può essere deliberata se non all’esito di previe e positive esperienze diconcessione di altre misure alternative meno impegnative, nel medesimo contesto territoriale difruizione della semilibertà medesima

– Sentenza n. 30525 del 30/06/2010. La valutazione dell’esito negativo dell’affidamento in provaal servizio sociale si differenzia dalla revoca dell’affidamento in prova previsto dall’art. 47dell’ordinamento penitenziario, che può intervenire nel corso della prova determinandone lacessazione, perché, se ai fini della revoca il tribunale è chiamato a valutare la gravità di singoli,specifici episodi per verificare se essi siano incompatibili con la prosecuzione della prova, quandosi tratti di stabilirne l’esito occorre procedere ad una valutazione globale dell’intero periodo perdecidere se siao no avvenuto il recupero sociale del condannato

Come è quindi dimostrabile, l’orientamento giurisprudenziale tende in modo uniforme alla rieducazione del condannato e, solo dopo un’attenta analisi dei comportamenti e dell’evoluzione di questi ultimi nella persona del reo, si pronuncia per un preventivo reinserimento nella società.

Chiara Listo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...